Cerca
Close this search box.
quanto beve il gatto

Gatti e acqua: come far bere di più il gatto

Quanto beve un gatto? Se lo vedi bere poco è possibile sia normale, ma come fare se dovessi farlo bere di più? Leggi tutto in questo articolo!!

Indice dell'articolo

Hai mai notato che il gatto beve, di solito piuttosto poco? Beh, è normale!!

Evoluzione del gatto: perché beve poco?

Il gatto è un felino, un animale che, nella sua storia evolutiva remota, si è adattato agli ambienti desertici nei quali viveva e proliferava con successo, ben prima che si instaurasse il suo rapporto con l’uomo ed il conseguente processo di domesticazione.
Questo ha fatto sì che il gatto si sia adattato a bere poco per superare le avversità ambientali.

La maggior parte dell’acqua la assumeva dalle prede vive che cacciava.

La concentrazione di urea nelle urine del gatto è tre volte quella umana ed i felini hanno, in genere, una sudorazione estremamente ridotta, oltre a un’evaporazione, a livello polmonare, quasi assente.

Il suo stimolo alla sete, poi è quasi assente, anche se l’alimentazione è prevalentemente fatta di cibo secco.

Altre cause per cui il gatto non beve

Oltre a questioni puramente fisiologiche il gatto potrebbe avere gusti difficili anche nel modo e mezzo con cui gli viene offerta l’acqua.
In particolare potrebbe non amare:

  • la ciotola in cui gliela si lascia
  • il gusto di cloro (che a volte è presente nell’acqua del rubinetto)
  • il luogo dove hai messo la ciotola
  • il fatto che l’acqua gli si sporca facilmente.

Quindi, se vogliamo che il nostro gatto abbia una vita lunga e sana dobbiamo aiutarlo a non incorrere nei problemi urinari e renali che spesso si sviluppano negli anni per questa loro caratteristica genetica.

quanto deve bere il gatto

Come far bere di più il gatto

Vediamo, allora insieme, come possiamo stimolarlo a bere di più o ad assumere una maggior quantità di acqua dall’alimentazione.

  • Migliorare l’alimentazione – ricordare che l’acqua viene introdotta anche attraverso i cibi.
    Una dieta a base di cibi morbidi in scatola, una dieta casalinga a base di pesce, trippe e carni cotte forniscono già molta dell’acqua che il gatto necessita.
  • Cambiare la ciotola dell’acqua – alcuni gatti apprezzano di più la porcellana, altri la plastica, fare dei test per verificare cosa piace di più
  • Utilizzare fontanelle – molti gatti adorano l’acqua corrente e la bevono più facilmente (molti lo fanno direttamente dal rubinetto, può essere un buon test per vedere se apprezzerebbe di più questo metodo)
  • Aumentare le ciotole e porle in posti diversi ad altezze differenti
  • Provare a usare altre acque (magari non del rubinetto). 
  • Cambiare spesso l’acqua, l’apprezzano di più se è fresca.

come far bere di più il gatto

Posso dare acqua del rubinetto al gatto?

È frequente la domanda se sia o meno necessario somministrare acque particolari, diverse da quella potabile che abbiamo in casa.
La risposta è si, anche se il gatto dovesse avere problemi renali, non è necessario dare acque minerali definite come “povere di sodio” o ricche in altri microelementi, quindi si può somministrare tranquillamente l’acqua potabile del rubinetto.

Come mi accorgo se il gatto beve poco o tanto?

In genere, non è necessario preoccuparsi se il gatto beve poco è però importante lasciare al nostro amico una bella ciotola piena d’acqua fresca.
Particolare attenzione va posta nelle alimentazioni basate sui cibi secchi, i cosiddetti croccantini.
Qui il cibo è in concreto privato della sua componente acquea e quindi l’accortezza nel dare al gatto sempre la possibilità di bere deve essere maggiore.

Diverso il comportamento del gatto che beve tanto, o più di quanto normalmente fa.

Ci si accorge di questo comportamento in quanto la sua ciotola rimane spesso vuota.

In questo caso è bene rivolgersi subito al proprio medico veterinario che farà accertamenti volti a verificare la funzionalità renale e/o la presenza di un problema metabolico.

acqua per il gatto

Quando è necessario far bere di più il gatto?

Nonostante il gatto si sia adattato proprio a bere poco, non si è abituato a essere nutrito solo con cibi secchi. 
In questo caso, se la scarsa sete non viene compensata adeguatamente, potrebbe rischiare alcune patologie anche gravi:

  • disidratazione – riconoscibile da una scarsa elasticità della cute
  • stitichezza – con feci dure e difficili da espellere
  • patologie delle basse vie urinarie (cistiti, calcoli urinari, infezioni della vescica)
  • insufficienza renale.

Tutte queste patologie possono essere ben prevenute (ma anche trattate) anche attraverso la maggior assunzione di acqua.

Ma il miglior trattamento rimane la prevenzione!! Fai controlli regolari delle urine e del sangue al tuo gatto, portandolo regolarmente in visita!


contatta struttura vicina

Condividi l'articolo

ARTICOLI CORRELATI

obesità cane e gatto
Alimentazione animale

Come posso far dimagrire il mio cane o gatto?

I nostri Animali domestici condividono buona parte della nostra vita: dormono con noi, mangiano con noi, guardano la TV sul divano con noi…
Siamo anche noi che scegliamo quale e quanto cibo possano assumere. Ecco perché siamo noi i responsabili del loro peso forma.
Se abbiamo ecceduto in qualche modo, vediamo come porvi rimedio.

Leggi Tutto »

Scopri i centri BluVet più vicini a te che aderiscono all'iniziativa!

Per tutto il mese di Febbraio, BluVet aderisce alla campagna di prevenzione geriatrica per cani e gatti anziani.

Scopri i centri BluVet più vicini a te che aderiscono all'iniziativa!

Per tutto il mese di Dicembre, BluVet aderisce alla campagna “Operazione  Denti Puliti”