traumi cutanei nelle testuggini

Traumi cutanei e del guscio delle tartarughe

I traumi sono condizioni molto frequenti soprattutto nelle tartarughe terrestri. Rappresentano sempre un emergenza. Vediamo come gestirli

Indice dell'articolo

Trauma cutaneo del guscio

I traumi del guscio rappresentano sempre un emergenza.

Essi infatti, spesso sono associate a:

  • perforazione della cavità celomatica
  • esposizione o lesione di organi interni
  • abbondante contaminazione 
  • notevole perdita di sangue.

Le lesioni possono guarire per prima o seconda intenzione.

Cause di rottura

Le cause sono numerose e tra le più frequenti vi sono:

  • morsi di predatori
  • lesioni da falciatrice 
  • traumi da impatto.

Lesioni da falciatrice o da impatto determinano fratture del guscio lineari o con perdita di sostanza.

Prognosi

La sede delle lesioni è un aspetto importante per definire la prognosi.

Le lesioni indotte da falciatrice sono le più pericolose, perché determinano ampia perdita di sostanza soprattutto a livello della regione dorsale del carapace dove anatomicamente vi sono polmoni e spina dorsale che possono essere intaccati irreversibilmente.

In questi casi è necessario quindi valutare la funzionalità polmonare e motoria.

Terapia

Queste ferite sono spesso molto sporche, bisogna quindi procedere immediatamente con la disinfezione utilizzando soluzioni sterili (NaCl 0.9% o in associazione con betadine) ed iniziare fluidoterapia e terapia antibiotica.

La risoluzione di questi traumi avviene tramite l’utilizzo di bendaggi asciutti che devono essere cambiati quotidianamente.

Non è consigliata la chiusura di ferite infette per esempio con resine, poiché può rallentare il processo di guarigione e promuovere lo sviluppo di muffe.

L’intaccamento della cavità celomatica determina tempi di guarigione più lenti ed è associato ad un maggiore tasso di mortalità.

Per la risoluzione di lesioni superficiali del guscio o cutanee, si procede con l’applicazione quotidiana di presidi topici antibiotici a base di sulfamidici, meglio se associati all’esecuzione giornaliera di laser terapia.

La risoluzione di lesioni lineari del carapace avviene attraverso l’esecuzione di tecniche chirurgiche che prevedono l’applicazione di cerchiaggi o speciali resine.

I predatori possono causare ampie ferite: frequenti i morsi di topo che possono rendere necessaria l’amputazione degli arti.

Indipendentemente dal tipo di trauma subito, tutti soggetti devono essere:

  • ospedalizzati
  • sottoposti a fluidoterapia
  • terapia antibiotica 
  • terapia analgesica 
  • non possono essere ricondotti in giardino finché le ferite non si sono completamente cicatrizzate.

La più frequente complicazione in questo caso è data dalle larve di mosca, soprattutto nella stagione estiva.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

ARTICOLI CORRELATI