come rinfrescare il cane al caldo

Come proteggere i cani dal caldo

Indice dell'articolo

Purtroppo i cani, diversamente dai gatti, soffrono molto il caldo, avendo un sistema di termoregolazione non molto efficiente.

Essi, infatti, non sudando, non riescono a disperdere calore attraverso tutto il corpo. Lo fanno principalmente attraverso la respirazione.

Ecco perché, i cani brachicefali, a causa della loro conformazione che riduce la capacità di respirazione, sono maggiormente soggetti a colpi di calore.

Come rinfrescare il cane durante la stagione calda?

Partiamo quindi dalle cose considerate fondamentali per proteggere i cani dal caldo.

L’acqua

La prima cosa per far sì che il nostro cane soffra di meno il calore è garantirgli sempre il giusto apporta d’acqua, assicurandoci che abbia sempre una ciotola a disposizione con acqua fresca e pulita e, se necessario, posizionarne più di una sparse per casa.

In caso il cane viva fuori, fornirgli acqua fresca in ciotole molto grandi e posizionate all’ombra, ma che abbiano un ricambio molto frequente di acqua, in alternativa si riempirebbero di alghe e sporco.

La piscina

Se si dispone di una piscina, anche quelle per i bambini, consentirgli di utilizzarla per bagnarsi. Questo permetterà all’acqua sul corpo di evaporare e quindi di raffreddare il corpo. 

L’alcool

In caso ci accorgessimo che il cane sta soffrendo in modo particolare il caldo, un modo veloce di raffreddarlo è quello di passare dell’alcool sulle parti senza pelo:

  • ascelle
  • ventre
  • parte interna delle cosce.

L’alcool, infatti evapora molto velocemente e quindi (attraverso questo fenomeno fisico) riesce a raffreddare la parte più velocemente.

Attenzione però, perché l’acool potrebbe irritare la cute, quindi frlo solo in caso di necessità. In alternativa utilizzare acqua fresca e un ventilatore per far riprendere il cane più velocemente.

Alimentazione

Un metodo valido per far calare la temperatura corporea del nostro cane è quello di alimentarlo con alimenti/bevande fresche.

Ghiaccioli fatti in casa con verdura e/o frutta frullata e poi ghiacciata, possono essere lasciati nell’acqua di abbeverata per rinfrescarla oppure somministrati da leccare durante la giornata.

Anche il gelato può essere un buon modo per rinfrescarli.
Utilizzato come merenda e abituandolo gradualmente per non incorrere in spiacevoli diarree, può essere somministrato nelle ore più calde.

Meglio ancora se lo fai in casa, con solo frutta frullata e poco latte vegetale (oppure yogurt intero senza zucchero) in caso il tuo cane non sia abituato a bere latte o a mangiare latticini.

Raffreddare la superficie in cui riposa

Avrai notato che il cane d’estate si stende con la pancia sul pavimento senza dgnare di uno sguardo la sua morbida cuccia.

Questo perché solitamente il pavimento ha una temperatura più bassa e il cane disperde calore attraverso di esso.

Esistono anche dei tappettini refrigeranti che, se schiacciati da un corpo si raffreddano.

Molti cani li adorano, altri non ci salgono. Possono quindi essere utilizzati in macchina se posti al di sotto di un lenzuolo, in modo che il cane ci si sdrai sopra e attivi il raffreddamento.

Attenzione però a non lasciarlo incustodito. La sua consistenza “morbidosa” potrebbe indurre il cane a morderlo ingerendo il gel contenuto all’interno che, in alcuni casi, è tossico.

Scarpette per i polpastrelli

Per proteggere i piedi del cane che, sull’asfalto potebbe ferirsi data la altissima temperatura che sprigiona è bene abituare il cane a portare delle speciali scarpette (se proprio non si può fare a meno di portarlo in queste condizioni).

Anche gli scogli, come la sabbia possono diventare roventi, quindi ricordare che noi portiamo le scarpe ma che i loro polpastrelli potrebbero ferirsi con dolorosissime piaghe da ustione se li si fa camminare su queste superfici.

l'asfalto brucia attenzione ai polpastrelli

Ombra

È molto importante, soprattutto se durante l’estate abbiamo il cane in giardino, di creargli un posto all’ombra dove lui possa rifugiarsi nelle ore più calde del giorno.

Sarà fondamentale anche che sia ben ventilato!

L’afa e la mancanza di aria possono portare a colpi di calore anche se il cane è all’ombra, in particolare in soggetti più esposti.

Questo rifugio possiamo costruirlo sotto una veranda o semplicemente aggiungendo alla cuccia una tendina che mantenga l’ambiente più fresco, e sotto al riparo possiamo andare a posizionare cibo ed acqua freschi, ovviamente cambiandoli ad intervalli di 2-3 ore.

Il Mantello

Diversamente da quanto si pensa, il mantello del cane, oltre a proteggerlo dal freddo lo protegge anche dal caldo e dai raggi solari che potrebbero ustionare la sua pelle.

Il pelo a doppio strato, isola la cute creando una sorta di cuscinetto.

È importante, però spazzolarlo e mantenerlo in ordine, per togliere il pelo morto, nei soggetti con pelo a crescita limitata e quindi sottoposti a muta.

Diversamente, questo pelo potrebbe ridurre la possibilità di passaggio dell’aria soffocando la cute.

Attenzione però: mai tosare il cane pensando di farlo “respirare di più”.
Ricordiamolo, i cani non sudano per cui non possono avere beneficio dall’assenza di pelo!

tosare il cane

Cani e Viaggi con il caldo

D’estate è importante che il cane sia al fresco in auto.
Aria condizionata accesa, ma mai troppo fredda per evitare sbalzi di temperatura eccessivi (che fanno male anche a noi).

Mai lasciare il cane in auto, anche all’ombra! La macchina non è isolata dalle temperature esterne e diventa un forno in pochi minuti!

Durante il viaggio (nel trasportino o nel kennel) bisognerà farlo bere con acqua fresca, in modo da tenerlo ben idratato, considerando che perde molta acqua dalla bocca, attraverso la saliva.

Quali cani sono maggiormente soggetti a soffrire il caldo?

I cani più predisposti a soffrire il caldo, fino ad avere più facilmente un colpo di calore sono:

  • tutti i brachicefali
  • i cuccioli – sono meno capaci di termoregolare il loro organismo
  • gli anziani – come i cuccioli
  • cani sovrappeso od obesi – respirano con maggior difficoltà e quindi dissipano meno velocemente il calore
  • cani con mantello scuro – attira maggiormente i raggi solari e quindi non devono essere lasciati al sole
  • cani debilitati, o con malattia cronica
  • cani cardiopatici

Infine una grafica per ricordarti i principi fondamentali per tenere fresco il cane.

 

Kit salvavita contro il colpo di calore
Kit salvavita contro il colpo di calore

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

ARTICOLI CORRELATI

Anestesia loco regionale veterinaria di cosa si tratta
Trattamenti e terapie

Anestesia loco regionale veterinaria: cos’è?

È ormai da tempo riconosciuto anche in Medicina Veterinaria come le tecniche di anestesia loco-regionale possano costituire un validissimo aiuto, in certi casi davvero insostituibile, per migliorare il controllo del dolore e, più in generale, per ridurre l’impatto dell’anestesia sull’organismo.
Vediamo di cosa si tratta

Leggi Tutto »
Terapia del dolore in veterinaria
Trattamenti e terapie

Terapia del dolore in veterinaria

Gli animali soffrono in silenzio, ma solo per coloro che non sono in grado interpretarne i segni. La loro sofferenza è silenziosa ma no per questo meno intensa. Ecco perché, anche in Medicina Veterinaria si deve applicare una attenta terapia del dolore.

Leggi Tutto »