Cerca
Close this search box.
collasso tracheale nel cane

Collasso tracheale nel cane: ecco cosa devi sapere

Indice dell'articolo

Oggi ti parlo di Luna, una cagnolina coraggiosa che ha combattuto contro una malattia insidiosa chiamata collasso tracheale.
Attraverso il suo percorso, scopriremo insieme cos’è, come riconoscerla, trattarla e prevenirla.

Cos’è il collasso tracheale?

Immagina la trachea come un tubo d’argento che conduce il respiro al cuore del tuo cane.
Purtroppo, il collasso tracheale è come un nemico invisibile che restringe e comprime quel tubo vitale.

La trachea perde la sua struttura solida e diventa debole, causando difficoltà respiratorie.

Cosa provoca il collasso tracheale?

Sfortunatamente, i cani di piccola taglia sono i più inclini alla sindrome a causa della loro anatomia.
L’usura naturale delle cartilagini che sostengono la trachea nel corso degli anni può portare al collasso.

Altre cause possono essere:

  • fattori genetici
  • infezioni delle vie respiratorie
  • obesità
  • tosse persistente.

Fattori predisponenti al collasso tracheale

I cani di piccola taglia, sono più soggetti al collasso tracheale.

  • Chihuahua
  • Yorkshire Terrier
  • Pomerania
  • Cani di tipo Spaniel (Cocker Spaniel, King Charles Spaniel)
  • Barboncino (Toy e Miniature)
  • Pechinese
  • Pinscher nano
  • Bulldog Francese
  • Shih Tzu Maltese

È bene notare che questa lista non è esaustiva e che anche i cani di altre razze possono essere affetti da collasso tracheale, così come non tutti i cani di queste razze svilupperanno la sindrome.

Il sovrappeso e l’obesità possono esacerbare il problema, mettendo ulteriore pressione sulla trachea.
Sembra anche che episodi  di tosse frequenti (come tossi croniche per forme allergiche o cani con tracheiti frequenti) portino la cartilagine a degenerare più velocemente.

Quali sono i sintomi del collasso tracheale?

I segnali di allarme includono:

  • tosse persistente,
  • fiato corto,
  • sibili
  • difficoltà respiratorie durante l’esercizio fisico o l’eccitazione.

Potresti notare anche un suono simile a un lamento quando il tuo cane respira,  e un rumore simile al verso dell’oca quando tossisce.

Lo starnuto inverso può essere associato all’inizio della sindrome, manifestandosi quando le prime vie aeree sono sollecitate da una irritazione o presenza di fastidio a livello delle prime vie aeree.

RAZZE PREDISPOSTE AL COLLASSO TRACHEALE NEL CANE

Come si fa la diagnosi?

Dopo una visita, la diagnosi potrà essere raggiunta attraverso diverse tecniche diagnostiche, utili per confermare il collasso tracheale.
Tra queste possono includere:

  • la radiologia, per escludere malformazioni della trachea come una sua riduzione del lume
  • l’endoscopia, esame gold standard per questa patologia.

Una diagnosi tempestiva è fondamentale per iniziare il trattamento adeguato.

Cosa si intende per stadiazione e quali sono gli stadi del collasso?

Il collasso tracheale viene classificato in quattro stadi.

Stadio 1

Nello stadio iniziale, i sintomi possono essere lievi e intermittenti.
Il cane può manifestare tosse occasionale, soprattutto durante l’eccitazione o l’esercizio fisico intenso.
La respirazione può essere leggermente affannosa, ma il cane riesce ancora a svolgere le normali attività quotidiane senza grandi difficoltà.

Stadio 2

Nel secondo stadio, i sintomi diventano più evidenti e persistenti.

  • La tosse si intensifica e può verificarsi anche durante il riposo.
  • La respirazione diventa più affannosa. 
  • Possono comparire sibili.
  • Possibile comparsa di episodi di soffocamento o difficoltà a inspirare ed espirare completamente.

Tuttavia, nonostante questi sintomi, il cane riesce ancora a svolgere le attività di base, ma con maggiore sforzo.

Stadio 3

Nel terzo stadio, la situazione si aggrava ulteriormente.

La tosse diventa grave e cronica, con episodi di soffocamento più frequenti. La respirazione diventa ancora più difficile e affannosa, con sibili continui. Durante l’esercizio fisico o l’eccitazione, il cane può presentare segni di affaticamento respiratorio significativo.

In questa fase, il cane può richiedere un supporto terapeutico più intensivo per gestire la malattia.

Stadio 4

È lo stadio finale, estremamente grave e può mettere in pericolo la vita del cane.

  • La tosse è costante e grave, con frequenti episodi di soffocamento.
  • La respirazione è estremamente affannosa, con sibili persistenti anche a riposo.
  • Grave affaticamento respiratorio e difficoltà a svolgere anche le attività di base, rendono la vita del cane molto difficile.

In questa fase, l’assistenza medica e l’intervento chirurgico potrebbero essere necessari per migliorare la qualità della vita del cane.

Terapie mediche del collasso tracheale nel cane

Le terapie possono includere l’uso di farmaci broncodilatatori, espettoranti e antinfiammatori per alleviare l’infiammazione della trachea e facilitare la respirazione.
Il tuo veterinario BluVet indicherà il trattamento più appropriato in base alla gravità del collasso.

Esistono rimedi naturali?

Purtroppo, non ci sono rimedi naturali comprovati per il collasso tracheale.

Tuttavia, puoi prendere misure per migliorare la qualità della vita del paziente, come

  • evitare il fumo passivo
  • garantire un ambiente senza allergeni (o privo il più possibile)
  • fornire un’alimentazione bilanciata per mantenere il peso ottimale.

Quali sono le terapie chirurgiche e i possibili effetti collaterali?

Nei casi più gravi, la chirurgia potrebbe essere necessaria.
Le opzioni chirurgiche includono la correzione delle anse tracheali e il posizionamento di anelli di supporto o stent.

È importante discutere con il tuo veterinario i potenziali rischi e benefici di tali procedure, soprattutto in base alle condizioni di salute del paziente che potrebbe non essere idoneo a sopportare l’intervento.

Fondamentale, in questi casi, il supporto di un team di anestesisti che facciano le corrette valutazioni preliminari.

Prognosi e aspettative di vita.

La prognosi varia a seconda dello stadio del collasso tracheale.

Nei primi stadi, con una diagnosi precoce e il trattamento adeguato, molti cani possono condurre una vita piena e felice, ma questa è una patologia degenerativa con scarse possibilità di guarigione per cui è fondamentale cercare di ridurre l’avanzamento della sua ingravescenza.

Nei casi più avanzati, il controllo dei sintomi diventa più difficile. 

Come si può prevenire il collasso tracheale?

Prevenire il collasso tracheale può essere una sfida, e non sempre è possibile.
Ma ecco alcune precauzioni.

  • Mantieni il tuo cane in una forma fisica ideale attraverso una dieta sana e l’esercizio regolare,
  • utilizza un collare a pettorina (soprattutto se ha già sintomi manifesti), 
  • fai attenzione a evitare l’eccessiva eccitazione che potrebbe mettere pressione sulla trachea, in particolare in soggetti brachicefali, già predisposti a problemi delle prime vie aeree,
  • evita il fumo passivo,
  • affidati alla medicina preventiva facendo controlli regolari.

Conclusioni

Ora che hai una panoramica completa sul collasso tracheale consulta il tuo veterinario Bluvet per una diagnosi accurata e un trattamento appropriato.

Se stai affrontando questo problema con il tuo compagno peloso, non sei solo.

Presso le cliniche veterinarie Bluvet, trovi un team di professionisti dedicati pronti ad assisterti e supportarti lungo questo percorso.
Insieme, possiamo garantire una vita migliore e più sana per il tuo fedele amico a quattro zampe.

Condividi l'articolo

ARTICOLI CORRELATI

Scopri i centri BluVet più vicini a te che aderiscono all'iniziativa!

Per tutto il mese di Febbraio, BluVet aderisce alla campagna di prevenzione geriatrica per cani e gatti anziani.

Scopri i centri BluVet più vicini a te che aderiscono all'iniziativa!

Per tutto il mese di Dicembre, BluVet aderisce alla campagna “Operazione  Denti Puliti”