esame Holter cani e gatti

Esame Holter per cani e gatti: di cosa si tratta?

La metodica Holter è un importante e, in certe circostanze, un essenziale ausilio diagnostico per lo studio e la completa valutazione di una malattia cardiaca.

Indice dell'articolo

Cos’è l’Holter?

L’Holter ECG (elettrocardiogramma dinamico secondo Holter) è un esame diagnostico che consente di registrare l’attività elettrica del cuore (in pratica un elettrocardiogramma) continuativamente per un periodo di 24 ore.

Quando è utile effettuare questo esame?

Aritmie non costanti e influenzate da una variazione della frequenza cardiaca (tachicardia-bradicardia) frequentemente non riescono ad essere studiate con un semplice elettrocardiogramma eseguito durante la visita cardiologica.

In aggiunta, il riscontro di una tachicardia o di una aritmia ad alta frequenza durante la visita clinica, non è mai una valutazione oggettiva in quanto l’attività elettrica è inevitabilmente influenzata dall’effetto camice bianco, proprio come nel caso della misurazione della pressione.

Conseguentemente, viene meno anche la possibilità di valutare l’effettiva efficacia di una terapia antiaritmica.

L’esame viene selezionato:

  • per gli screening di una malattia cardiaca congenita (Miocardiopatia dilatativa)
  • per controllo di aritmie insorte primariamente con conseguente comparsa di insufficienza miocardica
  • aritmie originate da una malattia degenerativa mitralica.

In questi casi, il monitoraggio ci aiuta a capire se il controllo terapeutico è adeguato o meno.

Cosa deve fare il proprietario durante l’esame?

Durante l’esame sarà utile che il proprietario compili un diario (foglio con indicazioni delle attività svolte dal cane) che consente anche di studiare il ritmo e la frequenza in particolari condizioni (sincope, corsa, sonno).

In cosa consiste l’esame?

L’esame Holter:

  • Dura per circa 24 ore
  • È una procedura indolore
  • Gli elettrodi dell’apparecchio sono posizionati accuratamente sulla cute del torace depilata e detersa con alcool e sono ben tollerati dal paziente
  • Vengono collegati i cavi ed il registratore viene sistemato sul dorso, fissato da una fasciatura
  • L’esame non richiede quasi mai l’ospedalizzazione
  • Al termine delle 24 ore, il paziente torna in Ospedale per la rimozione dell’apparecchio
  • Segue l’invio al centro di refertazione con la stesura e la comunicazione del referto entro qualche giorno.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

ARTICOLI CORRELATI

Versamento pericardico immagine coprtina
Cardiologia

Tamponamento cardiaco: cos’è e come trattarlo

La chirurgia video-guidata è una tecnica chirurgica mini-invasiva che trova diverse applicazioni tanto in addome (laparoscopia) quanto in torace (toracoscopia).
In caso di versamento pericardico neoplastico la toracoscopia è una valida alternativa alla chirurgia tradizionale garantendo tempi di recupero rapidi e gestione post-operatoria più semplice

Leggi Tutto »