diagnosi oncologica cani e gatti

Diagnosi oncologica nei cani e gatti

Diverse tipologie tumorali possono affliggere i nostri animali con sintomatologia varia, esattamente come accade in Medicina Umana. In questo articolo capiamo qual è il percorso corretto per arrivare a diagnosi

Indice dell'articolo

Come riconoscere i sintomi di tumore?

Quando si parla di patologie oncologiche ci si spaventa sempre. Essenziale però non perdere lucidità e cercare di fare attenzione a tutti gli atteggiamenti che deviano dagli standard di normalità del tuo pet, soprattutto se si tratta di un paziente anziano:

  • inappetenza
  • abbattimento
  • riluttanza a muoversi o a giocare
  • sintomatologia respiratoria 
  • sintomatologia gastroenterica (vomito,diarrea…)

devono indurti a portare in visita il tuo animale.

Allo stesso modo, la comparsa di neoformazioni cutanee che subiscono cambiamenti nel tempo (variazioni di dimensioni, zone alopeciche o ulcerate in corrispondenza dei noduli…) non va sottovalutata.

Queste anomalie possono, infatti, essere spie della presenza di un processo tumorale in atto e rendono indispensabile un’accurata visita clinica in primis, seguita poi da un approfondimento diagnostico per definire la natura del problema.

Protocolli per la diagnosi di tumore

Questo iter si fonda su protocolli standardizzati:

  • visita clinica
  • eventualmente controllo ematologico
  • esame citologico (agoaspirazione/agoinfissione)  – procedura non invasiva per l’animale, rapida e dai costi contenuti che consente di ottenere un’importante indicazione riguardo alla sua natura
  • esame bioptico – prelievo di un frammento tissutale eseguito per via ecografica, endoscopica, TC-guidata o chirurgica

Stadiazione della patologia tumorale maligna

Se queste indagini indirizzano verso una patologia tumorale maligna, è opportuno procedere ad un iter di stadiazione oncologica del paziente, che può avvalersi di diversi strumenti di indagine diagnostica:

  • esame radiografico
  • ecografia addominale e toracica
  • TC/RM, che consentono di ottenere un quadro clinico dettagliato, per poter poi intraprendere il percorso terapeutico più idoneo.

Cura dei tumori

La terapia dipende da molte situazioni, ma essenzialmente consiste in:

  • escissione chirurgica con esame istopatologico ed eventualmente immunoistochimico della lesione
  • chemioterapia o radioterapia adiuvante

Monitoraggio oncologico

Da qui si propone un monitoraggio oncologico o, in caso di pazienti terminali e non operabili, una terapia palliativa, nell’ottica di migliorare la qualità di vita del tuo animale.

Il monitoraggio è volto a valutare l’efficacia della terapia.

Importante e fondamentale l’individuazione della malattia in tempo:

più precoce è la diagnosi più tempestiva potrà essere la terapia, migliorando la prognosi!

Quindi anche in assenza di sintomatologia evidente, sottoponi il tuo amico a quattro zampe, soprattutto dai 6-7 anni, ad uno screening annuale, per poter identificare eventuali forme tumorali in fase iniziale.

Segui il webinar della dott.ssa Sara Tomassone sui tumori del cane e gatto

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

ARTICOLI CORRELATI