fuochi artificiali come aiutare il cane che ha paura

Come aiutare il cane con paura dei fuochi d’artificio

La paura dei fuochi d'artificio che certi cani e gatti mostrano è disarmante e porta grave disagio non solo nei pelosi, ma anche nelle persone che cercano di rassicurarli. Ecco alcuni consigli utili per farlo al meglio.

Indice dell'articolo

Cani e gatti manifestano frequentemente fastidio, paura, fino a vere e proprie fobie per i rumori molto forti come quelli che si sentono durante i fuochi d’artificio.

Perché alcuni animali hanno paura dei rumori forti?

Non è accertata la reale causa di questo comportamento, soprattutto in considerazione del fatto che non tutti manifestano questo problema.

Alcuni adducono all’alta sensibilità del cane e gatto ai rumori.
Ciò che per noi è a mala pena udibile, per loro è un suono forte e chiaro, ma non giustifica il comportamento da panico che certi soggetti manifestano.

Più probabilmente è legato a esperienze negative e al fatto che, durante i fuochi d’artificio per esempio, si sprigionano anche odori molto forti (dovuti alla polvere da sparo che si sprigiona nell’aria), lampi e luci, che disorientano l’animale non consentendogli di gestire la situazione.

Frequentemente, soggetti fobici per i botti, sono altrettanto spaventati durante i temporali, condizione ancora più spaventosa per loro, a causa della grande quantità di scariche elettriche che i lampi sprigionano durante la tempesta.

Come si manifesta la paura dei botti?

Se per il gatto siamo abituati a vederlo schizzare sotto il divano o nascondersi se ci sono eventi che lo spaventano, per il cane la cosa può essere meno manifesta.

Segni di semplice disagio possono essere:

  • sbadigli frequenti
  • respirazione a bocca aperta ansimando anche senza caldo eccessivo
  • portamento delle orecchie indietro
  • portamento della coda bassa in mezzo alle gambe
  • salivazione abbondante
  • leccarsi le labbra frequentemente

Se, oltre al disagio, si ha anche paura, allora, in aggiunta ai segni precedenti si potrà avere:

  • agitazione
  • tentativi di nascondersi
  • ricerca di un luogo sicuro, nascosto
  • ricerca del proprietario e della sua protezione
  • respirazione fortemente accelerata
  • tremori.

Quando la semplice paura si trasforma in fobia, i soggetti possono manifestare comportamenti totalmente irrazionali:

  • fuga incontrollata per allontanarsi dal luogo dove si sentono i rumori (fino a rompere finestre, con ferite conseguenti o buttarsi nel vuoto se lasciati sul balcone)
  • se tenuti legati, tirano il collare fino al soffocamento
  • totale assenza di controllo del comportamento
  • perdita di feci e di urine.

Gli stessi comportamenti possono manifestarsi anche durante i temporali.

Attenzione al tuo Cane Carlino o Bouledogue Francese

I cani brachicefali potrebbero essere in pericolo grave in queste circostanze.

L’agitazione a cui vengono sottoposti se sono paurosi o (peggio ancora) fobici in queste circostanze, potrebbero portarli alla morte per ipertermia o colpo di calore, nonostante le temperature invernali.

Un cane brachicefalo estremo, infatti, ha una respirazione difficoltosa anche in condizioni normali. Se questa dovesse aumentare di frequenza per un eccesso di sollecitazione, potrebbe portare il cane a un aumento della sua temperatura interna, senza riuscire a dissiparla attraverso il respiro.

Questo potrebbe, nel giro di pochissimo tempo, portarlo a morte.

In questi soggetti, dunque, è bene allontanarsi dal luogo possibile fonte di rumore e se la fobia è associata anche a temporali, ci si deve rivolgere a un veterinario comportamentalista quanto prima.

Come abituare il cane ai rumori forti?

Ancora una volta parliamo del cane, considerando il fatto che il gatto, è meno soggetto alla perdita del controllo e che, trovato un luogo sicuro dove nascondersi, tende a risolvere la situazione con l’isolamento, rimanendovi fino a che non si sente tranquillo.

Per il cane, la condizione è più complessa.

Difficilmente un cane che ha paura dei botti riuscirà a superare la sua ansia da solo, ma avrà bisogno di un percorso di desensibilizzazione che non potrà certo essere affrontato pochi giorni prima dei classici eventi in cui si sparano i botti.

Ecco perché,  è così importante rivolgersi subito a un veterinario comportamentalista che possa iniziare un percorso riabilitativo che insegni al cane a gestire la paura insieme al suo proprietario.

Come proteggere un cane con fobia dei temporali e botti?

Se sei arrivato all’ultimo momento senza aver ancora preso decisioni su come affrontare il problema alla radice, allora sarà bene che tu ti organizzi se, nelle vicinanze si stano per organizzare fuochi d’artificio (come durante il Capodanno o le feste estive).

La cosa migliore sarebbe quella di portare il cane lontano dal luogo dove avverranno i botti, ma se questo non fosse possibile, ecco un elenco di cose che dovrai e non dovrai fare.

Partiamo da ciò che non si deve fare:

  • mai lasciarlo solo fuori -potrebbe cercare di scappare ferendosi nel tentativo di farlo
  • mai lasciarlo sul balcone –  potrebbe buttarsi nel vuoto nel tentativo di scappare
  • non lasciarlo in ambienti dove potrebbe ferirsi, per cercare di uscire. Ci sono cani che si sono rotti tutte le unghie ferendosi gravemente, anche cercando di rompere le finestre
  • non pensare che ignorando il cane impari a stare meglio –  la teoria per cui lo coccolo solo se non si agita, spesso stressa ancora di più il cane.

Ecco, invece cosa si può fare.

Considerando la forte tendenza alla fuga, dotare di un collarino con un rilevatore di posizione, può certamente essere una buona scelta, soprattutto se siete costretti a stare fuori o il cane può rischiare di riuscire a scappare.

  • tenere il cane al guinzaglio accanto a se, rassicurandolo con fare fermo e sereno, come se non stesse succedendo nulla
  • provare a fargli indossare una nostra maglietta vecchia, stringendola sul costato, la pressione del tessuto sul torace mimerà una condizione di abbraccio rassicurante, rilassando il cane
  • tenerlo in un locale il più isolato possibile dai rumori
  • chiudere le finestre e le persiane per isolarlo meglio
  • se il cane vive fuori trovare un luogo sicuro, totalmente chiuso dove si senta non in pericolo, quindi un luogo a cui è abituato, dove stare, ma meglio tenerlo vicino a noi
  • se cercano di nascondersi in luoghi non comuni – il box doccia o dove ci sono delle piastrelle-  assecondarli e metterli a loro agio con un cuscino o una coperta
  • cercare di distrarre il cane con giochi che lo coinvolgano (qualora abbia la lucidità per farlo e tu riesca ad ottenere la sua attenzione)

Musica durante i botti, pro o contro?

Molti ritengono che tenere una musica di sottofondo rilassante, possa aiutare a far mantenere la calma al cane, altri consigliano di tenerla sufficientemente alta da cercare di coprire il rumore esterno.

Altri ancora ritengono che sia controindicato sommare rumori a rumore… la verità è che, in queste circostanze bisogna cercare di provare a vedere cosa sia più indicato per il nostro cane.

Certamente il nostro atteggiamento dovrà cercare di infondere serenità e sicurezza. Quindi:

  • calma
  • pacatezza
  • parole a voce bassa, senza spaventare ulteriormente il cane con atteggiamento preoccupato.

Per le situazioni più gravi non basterà, ma sarà almeno un modo per non consentirgli di farsi del male.

Farmaci tranquillanti per le fobie del cane durante i botti

Non è raro sentire proprietari che chiedono se esistano farmaci da poter somministrare al proprio cane per limitarne il senso di paura.

Purtroppo non esistono farmaci che possono essere somministrati solo nel momento del bisogno.
Alcuni tranquillanti non fanno che limitare la capacità di movimento del soggetto che sembra più calmo, ma in realtà, è solo impossibilitato a muoversi, di fatto accentuandone l’ansia e il ricordo di esperienza tremenda.

Altri, invece, soprattutto a uso umano hanno l’effetto contrario e sono altamente sconsigliati.

Esistono poi dei rimedi a base di feromoni o integratori nutraceutici che possono aiutare il soggetto ma non in modo risolutivo se, alla base, non si effettua un percorso di rinforzo della psiche del cane.

E per finire ti lascio una bella grafica che potrai scaricare e utilizzare sui tuoi canali social, insieme a questo articolo, per diffondere queste importanti informazioni!!

Botti e temporali come proteggere cani paurosi
Botti e temporali come proteggere cani paurosi

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email

ARTICOLI CORRELATI